Date disponibili
non disponibili
Luogo di raduno
Piazza Stefania Noce 1, Licodia Eubea (CT)
Durata
2 ore
Contributo
6euro
A cura di:
Archeoclub Licodia Eubea
Non accessibile ai disabili

Borghi dei Tesori Fest
1
Licodia Eubea
Passeggiate
Dai tesori più preziosi fino al castello, sull’acropoli che domina il borgo

Un percorso unico per entrare nel cuore di Licodia Eubea e per conoscerne i tesori più preziosi. Quattro le tappe. Partendo dal Museo “Antonino Di Vita”, i visitatori saranno guidati alla scoperta della Chiesa dei Cappuccini, dove tra l’altro sono sepolti alcuni degli esponenti della nobile famiglia catalana dei Santapau. Al suo interno, di particolare interesse la pala d’altare del pittore Mariano Gusmano, “Il Perdono di Assisi” del 1676, ed una statua lignea del Seicento raffigurante “San Francesco che riceve le stimmate”. Seconda tappa di questa particolare passeggiata per l’antico borgo, è la Chiesa del Carmine dove, tra l’altro, si potrà apprezzare la bellissima tela raffigurante l’”Adorazione dei pastori”, attribuita al cosiddetto “Maestro dell’annuncio ai pastori”, artista che operò a Napoli nella prima metà del Seicento. Terza tappa, la Chiesa Madre che costruita a cavallo tra Cinquecento e Seicento, divenne matrice nel 1621, e che tra i suoi pregevoli tesori ne annovera uno dall’eco letteraria, ovvero la possente torre campanaria ricordata da Giovanni Verga nella novella “Jeli il pastore”. L’ultima tappa è il Castello Santapau, le cui rovine sorgono su un rilievo di roccia calcarenitica che si ritrova al centro del moderno abitato; ed è qui che l’archeologo Paolo Orsi ha individuato la sede dell’acropoli dell’antico centro indigeno ellenizzato. Le prime fonti scritte che menzionano il castello risalgono al 1272, momento in cui gli Angioini, dopo la conquista dell’Isola, redassero un elenco delle fortezze siciliane.

Seleziona giorno