Date disponibili
25 Maggio 2024
dalle 10:00 alle 12:00
Durata
30 minuti
Contributo
3euro
Accessibile ai disabili

Borghi dei Tesori Fest
1
Calatafimi Segesta
Luoghi
La Madonna che liberò la città dalle cavallette

Dirimpetto alle rovine della antica Segesta, sorge l’eremo di Maria Santissima di Giubino, uno dei più noti santuari mariani della Sicilia, la cui fama è legata alla memoria del Beato Arcangelo Placenza da Calatafimi (1380-1460), che vi dimorò per qualche tempo. Le origini di questo santuario sono molto antiche, se ne hanno notizie dalla seconda metà del XIV secolo, mentre i primi documenti sull’esistenza della chiesa sono del 1495. Leggenda racconta che nel 1655 un’invasione di cavallette stesse distruggendo i raccolti in tutto il territorio di Calatafimi. Il popolo si riunì alla Matrice, e lì fu deciso che, dopo avere messo dentro un ‘urna i nomi di tutti i santi che avevano un altare nelle chiese del paese, sarebbe stato scelto come patrono quello estratto; uscì il nome di Maria Santissima, ma di Giubino. La parte centrale del trittico con l’immagine della Vergine fu in tutta fretta tolta dalla parete in cui era murata nella chiesa campestre di Giubino, e portata in processione, in quella che fu poi chiamata “la processione dei grilli”; il territorio di Calatafimi fu libero dalle cavallette. L’ultima settimana di settembre all’Eremo si celebra la festa della Madonna di Giubino, con la rievocazione storica dell’elezione della “patrona cittadina”. La visita guidata è a cura dell’associazione Madonna di Giubino. Il luogo è suggestivo e offre una splendida vista sulla vallata del Crimiso/Kaggera, il teatro di Segesta e sul bosco Angimbè, immerso nelle sugherete. 

Seleziona giorno

Potrai utilizzare i coupon mostrandoli all’ingresso senza prenotazione se i turni di visita non sono pieni, oppure potrai utilizzarli per prenotare inserendo il codice coupon.