Date disponibili
non disponibili
Durata
30 minuti
Contributo
3euro
Accessibile ai disabili

Borghi dei Tesori Fest
3
Camporeale
Luoghi
La preziosa lastra d’ardesia con Maria e il suo manto aperto per accogliere tutti noi

Il Santuario dedicato alla Madonna dei Peccatori sorge sulla collina che domina Camporeale ed è meta di numerosi pellegrini. La sua storia ha inizio nel 1855, quando tre agricoltori camporealesi nelle campagne tra Bisacquino e Chiusa Sclafani, trovano sotto un giunco una grossa e pesante lastra di ardesia datata 1622 e raffigurante la Madonna con il manto aperto nell’atto di accogliere donne e uomini di razze diverse, e recante in mano una bandiera con la scritta “Refugium peccatorum”, ovvero “rifugio dei peccatori”. Nel luogo dove fu trovata l’immagine sacra di Maria, venne dapprima costruita una cappella; ma visto il sempre crescente numero di pellegrini, nei primi anni del Novecento, con l’obiettivo di raccogliere i fondi per costruire un edificio più grande, nacque la congregazione della Madonna dei Peccatori e nel 1920, finalmente, il santuario fu completato e, nel 1994, arricchito da una grande gradinata. Ma la sua storia, a un certo punto, si tinge di giallo: l’opera raffigurante la Madonna, trafugata nel 2006 viene, poi, rinvenuta quasi dieci anni dopo, nel 2015, avvolta in una coperta nelle campagne di Borgetto.
Intanto, nel corso degli anni, i terremoti del ’54 e del ’68 che hanno colpito la Valle del Belìce, hanno reso più forte la devozione nei confronti di Maria, alla quale i fedeli hanno attribuito il merito di avere evitato a Camporeale grossi danni. Devozione che, in occasione del Giubileo del 2000, si è concretizzata anche in una statua in bronzo raffigurante la Madonna e posta nel sagrato della chiesa a lei dedicata.

Seleziona giorno

Potrai utilizzare i coupon mostrandoli all’ingresso senza prenotazione se i turni di visita non sono pieni, oppure potrai utilizzarli per prenotare inserendo il codice coupon.