villa zito

  • Terzo fine settimana per il festival primaverile organizzato dalla Fondazione Le Vie dei Tesori con l'Università. Aprono le porte Villa Belmonte all’Acquasanta, la Casa di Thule, poi Villa Alliata, due case-museo, i serbatoi e le grotte di San Ciro, le sorgenti del Gabriele. Arie della Belle Epoque da Martha e concerti degli allievi al Conservatorio. Si andrà alla ricerca dell’esteta Fulco di Verdura a Villa Niscemi

  • Apre Villa Belmonte e si scopre la mostra su Ettore De Maria Bergler con la curatrice a Villa Zito. Si va sulle tracce del genio dimenticato di Fulco di Verdura e si scopre la sala dedicata a Santa Rosalia al Museo Diocesano con il vicedirettore. Torna lo storico Salvatore Savoia tra indagini e delitti nel chiostro di San Domenico e si visita la casa-museo della Fondazione Thule, tra tra arazzi, porcellane e libri. Docenti, collezionisti, curatori, protagonisti del festival organizzato dalla Fondazione Le Vie dei Tesori con l’Università di Palermo

  • Fino al 26 maggio per la prima volta in mostra diverse opere del pittore tra i maggiori esponenti della cultura figurativa siciliana tra Ottocento e Novecento. La mostra parte dal cospicuo nucleo di dipinti custoditi dalla Fondazione Sicilia, a cui si aggiungono tele in alcuni casi inedite, provenienti dal mondo del collezionismo

  • In occasione dei 400 anni dal ritrovamento delle spoglie della patrona della città, inaugurato un progetto espositivo con opere di Antoon van Dyck, Pietro Novelli, Mattia Preti e Luca Giordano. C'è anche un rarissimo esemplare della raccolta di incisioni realizzate nel 1629 da Philips de Mallery su disegni di Van Dyck

  • Per il centenario della nascita, una mostra antologica divisa tra Palermo e Partanna celebra il pittore tra i più rappresentativi del secondo dopoguerra. Uomo schivo e solitario, preferiva far parlare le sue opere piuttosto che cercare le luci del palcoscenico

  • Lo storico dell'arte presenta il volume dedicato alla mostra della fotografa palermitana in corso fino al 14 maggio a Villa Zito. Oltre 160 scatti, dai vicoli di Palermo ai set di Roberto Andò